Cardiofrequenzimetro: A Cosa Serve e Quali Sono i Modelli Migliori

Aumenta il numero degli sportivi che utilizza il cardiofrequenzimetro per ottenere l’intensità dell’allenamento desiderato e tenere sotto controllo la frequenza cardiaca prescelta.

Allenarsi fa bene alla salute, ma quando l’esercizio fisico è intenso può essere controproducente.

Per raggiungere gli obiettivi prefissati di salute e fitness occorre trovare la zona di frequenza cardiaca in cui la prestazione atletica produce in sicurezza effetti positivi sul fisico.

Vediamo come acquistare un cardiofrequenzimetro, a cosa serve e quali sono i modelli migliori per ottenere il massimo beneficio dal regime di allenamento.

Cos’è il Cardiofrequenzimetro?

Il cardiofrequenzimetro è un dispositivo che si indossa per misurare e visualizzare in qualsiasi momento della giornata la frequenza cardiaca.

Se si sta iniziando un piano di allenamento quotidiano o si è un appassionato di fitness, monitorare la frequenza cardiaca può essere utile per allenarsi alla giusta intensità.

Il primo cardiofrequenzimetro fu inventato nel 1977 in Finlandia con lo scopo di supportare gli allenamenti degli sciatori finlandesi.

Con il passare degli anni il dispositivo subì importanti modifiche, come la riduzione delle misure e la scomparsa di alcuni fili che lo mettevano in comunicazione con l’orologio da polso.

In Italia fece la sua comparsa nel 1980 al braccio del ciclista Francesco Moser diventando uno strumento di precisione in grado di rilevare l’attività del cuore.

Questo “braccialetto” è facile da utilizzare con risultati molto affidabili.

In commercio esistono due tipi di cardiofrequenzimetro: da polso e a fascia toracica.

Nel momento dell’acquisto bisogna valutare alcuni fattori: il display deve risultare bene visibile.

La forma, che può essere rettangolare, quadrata, ovale e rotonda non deve essere di dimensioni eccessive.

Il cinturino al contrario è una caratteristica da non sottovalutare, difatti occorre verificare se è munito di parecchi buchi per adattarlo a qualsiasi circonferenza del polso.

Nella maggior parte dei cardiofrequenzimetri è possibile sostituire la batteria, ma esistono modelli dove non è consentito farlo e in questi casi si è obbligati a buttare il prodotto.

È bene verificare se la pila può essere cambiata, per continuare ad utilizzare lo stesso strumento.

Un’altra proprietà importante è controllare se il dispositivo è compatibile con le app più diffuse.

Lo stesso vale per il download dei file, alcuni apparecchi sono in grado di scaricare i file direttamente sul pc, altri hanno bisogno di accessori che vanno acquistati a parte.

Il prezzo di un cardiofrequenzimetro oscilla dai 30 ai 300€.

Un modello professionale avrà un costo superiore rispetto a un modello base anche se a volte non sempre un costo elevato corrisponde a un prodotto migliore, al contrario un periodo ampio di garanzia è indice di un prodotto di qualità.

>> CLICCA QUI PER LE MIGLIORI OFFERTE SUI CARDIOFREQUENZIMETRI <<

A Cosa Serve il Cardiofrequenzimetro?

Il cardiofrequenzimetro serve per misurare la frequenza cardiaca.

Per frequenza cardiaca si indica il numero di volte che il cuore batte al minuto.

Per monitorare lo stato di salute e la forma fisica di un soggetto conoscere la propria frequenza cardiaca può rivelarsi uno strumento efficiente, non solo ma può aiutare il soggetto a definire i livelli di intensità richiesti per l’esercizio, accertarsi di ottenere il massimo rendimento durante l’allenamento e conseguire un continuo perfezionamento della forma fisica.

Inoltre sapere e controllare la frequenza cardiaca può aiutare a riconoscere alcune patologie in atto o in via di sviluppo come irregolari ritmi cardiaci (aritmie) oppure una frequenza cardiaca veloce (tachicardia).

Ma come si misura la frequenza cardiaca?

Esistono quattro differenti misurazioni ma le due più importanti sono la frequenza cardiaca a riposo e la frequenza cardiaca massima.

– La frequenza cardiaca a riposo è quella che si ha quando il cuore batte senza fare nulla.
Quando si dorme o si è seduti sul divano, il cuore pompa solamente la quantità di sangue adeguata a far funzionare il corpo. In questo caso la frequenza cardiaca è di 60-80 battiti al minuto. Il valore tende ad aumentare quando si è anziani, ansiosi, malati o stressati. Per misurare la frequenza cardiaca a riposo in modo tradizionale è sufficiente posizionare due dita sul polso, al lato del collo, all’interno dei gomiti oppure nella parte superiore del piede e iniziare a contare i battiti che si percepiscono in 60 secondi, per poterlo fare è necessario usare un cronometro per il conteggio del tempo.

– La frequenza cardiaca massima si calcola sottraendo al valore 220 la propria età e rappresenta la stima della frequenza cardiaca più alta che una persona potrebbe raggiungere mentre sta praticando un’attività fisica intensa.

– La frequenza cardiaca in allenamento o target è compresa tra il 65% e l’80% della frequenza cardiaca massima. Per non compromettere la salute e raggiungere il massimo beneficio nel corso dell’allenamento, bisogna rimanere nel range di frequenza cardiaca target almeno per 20 minuti durante la sessione di esercizi.

– La frequenza cardiaca di recupero è la frequenza a cui si dovrebbero abbassare i battiti del cuore dopo un allenamento, dal momento che dopo uno sforzo fisico il corpo ha bisogno del giusto riposo.

A seconda del modello, il cardiofrequenziometro può servire anche per altre funzioni.

Alcuni dispositivi includono: timer, calcolatori di velocità/distanza, conta-calorie, letture multiple della zona di frequenza cardiaca, connettività allo smartphone o al computer.

L’apparecchio può essere utile per monitorare il sonno registrando in maniera automatica la durata e la qualità del riposo.

La tecnologia su questa tipologia di apparecchi è talmente avanzata che una barra motivazionale avverte se è arrivato il momento di lasciare la scrivania o alzarsi dal divano e fare due passi.

Il cardiofrequenziometro è un valido alleato anche per chi è a dieta e ha la necessità di sapere quante calorie brucia praticando attività fisica o concedendosi soltanto una passeggiata giornaliera.

A chi è Utile il Cardiofrequenzimetro?

Il cardiofrequenzimetro è utile agli sportivi e a chi vuole tenersi in forma sviluppando un programma di allenamento personalizzato.

Grazie all’apparecchio è possibile avere a disposizione tutte le informazioni inerenti alla frequenza cardiaca e quindi sapere in tempo reale quali siano gli effetti fisiologici ad essa associati.

La motivazione che spinge le persone a correre due o tre volte a settimana è quella di mantenere in buono uno stato la propria condizione cardiovascolare.

Correre in modo regolare produce esiti benefici sul cuore, sui polmoni e su tutto il sistema cardiovascolare.

Le dimensioni del cuore aumentano, di conseguenza i battiti rallentano e le pulsazioni sono più potenti ed efficaci.

Quando una persona fa uno sforzo succede che il battito cardiaco aumenta in maniera moderata mantenendo il ritmo per un lungo periodo senza stancarsi, dopo l’esercizio fisico a riposo riacquista il suo battito più velocemente.

In pratica, lavora di più stancandosi di meno.

Il cardiofrequenziometro viene utilizzato anche da chi deve tenere monitorato lo stato del suo cuore per motivi di salute.

Se invece si va in bici per puro divertimento o si pratica qualsiasi altro sport dove l’attenzione è rivolta più che all’attività fisica al panorama circostante e alla scoperta di nuovi scenari, e non si ha alcuna intenzione di sforzare il fisico più di tanto e nemmeno rispettare tabelle preimpostate di allenamento, allora si può anche evitare di acquistare un cardio.

I monitor più efficienti rilevano la frequenza cardiaca con un trasmettitore posizionato sopra il cuore e tenuto in posizione da una cinghia regolabile che avvolge il petto.

La funzione svolta è quella di un elettrocardiogramma, difatti il trasmettitore rileva l’attività elettrica che viene trasmessa, attraverso un cavo a un orologio da polso munito di display.

Il mercato propone vari modelli di cardiofrequenzimetri.

I monitor più semplici mostrano soltanto la frequenza cardiaca.

I modelli più tecnologici hanno funzionalità che comprendono allarmi che suonano quando si è andati sopra o sotto il numero pre-programmato.

Altre caratteristiche possono includere allenamenti pre-programmati, timer per il conto alla rovescia, calorie consumate e altro ancora.

Il vantaggio principale dell’utilizzo di un cardiofrequenzimetro è che fornisce un indice accurato di quanti sforzi si stanno esercitando.

Anche se vengono mantenute determinate variabili costanti, come la velocità o la distanza che si percorre, la frequenza cardiaca può variare a causa di altri fattori, ad esempio quanto non si è idratati o quanto si è stanchi.

Tipi di Cardiofrequenzimetro: da Polso e a Fascia Toracica

Esistono due tipi di cardiofrequenzimetri vediamo di individuarne le caratteristiche e le cose che hanno in comune.

– Il cardiofrequenzimetro a fascia toracica wireless invia i dati in un monitor portato al polso.
Utilizza una cinghia posizionata intorno al torace e munita di sensori di elettrodi, capaci di rilevare l’attività del cuore mentre pulsa. I dati vengono trasmessi a un ricevitore che elabora e visualizza il segnale come battiti al minuto. La fascia toracica può essere di plastica, tessuto o elastico. I sensori possono essere collegati oppure incorporati in un reggiseno sportivo o in una camicia oltre che in un cinturino. Per avere letture accurate i sensori devono essere umidi per ottenere un contatto saldo con la pelle. I modelli di orologi collegati a una fascia toracica consentono di monitorare in maniera continuativa l’attività del cuore e determinarne l’esatta frequenza cardiaca. Le tipologie più evolute sono sincronizzate con un monitor collegato alla scarpa, di solito attraverso il laccio. Questo fa in modo di raccogliere ulteriori informazioni come la velocità di corsa o il tragitto percorso, così da avere a disposizione un quadro più completo dell’allenamento e avere anche la possibilità di mettere a confronto le prestazioni nel tempo.

Pro: forniscono letture della frequenza cardiaca in maniera continuativa. Ci si può muovere liberamente e continuare ad allenarsi senza essere d’intralcio.

Contro: la zona toracica al primo utilizzo va bagnata per far aderire perfettamente i sensori e rilevare la lettura. La frequenza cardiaca viene inviata sull’iPhone, il che può risultare scomodo a chi non ha nessuna intenzione di portare con sé il telefono durante l’allenamento.

– L’orologio da polso richiede di posizionare il dito in un determinato punto per ottenere la frequenza cardiaca.

Pro: non richiede la fascia toracica.

Contro: Potrebbe essere difficoltoso utilizzarlo poiché è necessario interrompe l’allenamento per reperire le informazioni sul monitor. Se durante la lettura si riscontrano delle inesattezze è necessario bagnare il retro dell’orologio per farlo aderire meglio sulla pelle.

Entrambi i modelli forniscono informazioni sul modo di allenarsi e sono utilizzati per controllare l’esercizio cardiovascolare quando si cammina, si corre, si scia, si nuota, si va in bicicletta.

Alcuni dispositivi sono collegati al GPS per ottenere la mappatura e il salvataggio dei percorsi migliori.

I Migliori 3 Modelli di Cardiofrequenzimetro

In commercio si possono trovare diversi modelli di cardiofrequenziometri.

Vi proponiamo la recensione di tre dispositivi con differenti tipologie di prezzo e di funzionalità, evidenziando anche qualche difetto là dove gli utenti lo hanno riscontrato.

Yamay Smartwatch Orologio Fitness Tracker

yamay smartwatchÈ il miglior regalo da fare ad un anziano, uomo, donna e bambino.

Nonostante il prezzo sia contenuto, il dispositivo è ricco di funzionalità.

Il braccialetto è in poliuretano ed è regolabile da 14 cm a 22 cm, ha lo schermo touch screen a colori da 0.96 pollici.

Occorrono due ore di tempo per la ricarica, la batteria in standby dura da 7 a 10 giorni.

Per effettuare la carica bisogna estrarre la parte superiore del cinturino e collegare il dispositivo a una porta USB.

L’applicazione “VeryfitPro” può essere scaricata da App Store oppure da Google Play.

Il braccialetto conserva il numero di passi, il tragitto percorso, le calorie bruciate.

Il cardiofrequenzimetro misura la frequenza cardiaca e monitora il battito cardiaco.

Consente di controllare le calorie bruciate e tenere sotto controllo le zone cardio per verificare quale sia l’intensità degli esercizi adatta per raggiungere il traguardo prefissato, lasciando una traccia delle pulsazioni su un grafico che viene memorizzato sull’app “VeryFitPro”, l’accertamento dei dati può essere manuale o automatico.

Tutto questo si ottiene senza indossare una fascia toracica.

L’orologio fitness monitora il sonno e rileva la pressione del sangue.

Quando si riceve un’email, una notifica dai social, una chiamata dallo smartphone, un sms, una leggera vibrazione viene trasmessa dallo smartwatch come segnale di avviso per permettere di visualizzare sul display una parte delle informazioni e il nome del mittente.

È possibile scegliere tra 14 modalità di allenamento come andare in bici, sciare, ballare. Inoltre si può impostare un obiettivo, visualizzare le statistiche nel momento in cui ci si allena per consentire poi di migliorare la prestazione.

Avviando sull’app la funzione “Telecomando Fotocamera” è possibile usare lo smartwatch per dirigere a distanza lo smartphone per scattare fotografie.

Basta collegarsi al GPS dello smartphone per rendere visibile le statistiche dell’attività fisica che si sta svolgendo come l’andatura, le calorie bruciate, la distanza, e disporre di una mappa del percorso a fine esercizio.

In app aprendo la funzione “Sedentario Alert” lo smartwatch comincia a vibrare avvisando che è giunto il momento di abbandonare il posto che si sta occupando da lungo periodo e iniziare a muoversi.

Il fitness tracker è impermeabile.

Dalla descrizione sembrerebbe un ottimo prodotto, invece presenta delle inefficienze da non sottovalutare al momento dell’acquisto.

L’orologio dovrebbe essere utilizzato principalmente all’aperto, peccato che con la luce naturale non si riescono a leggere le informazioni sul display.

Le notifiche dai social non si leggono del tutto ma soltanto la prima riga e poi cosa più grave gli utenti hanno riscontrato che il cardiofrequenzimetro restituisce valori non attendibili se confrontati con altri smartwatch e dispositivi medici.

Garmin Forerunner 735XT

garmin forerunner 735xtÈ un orologio multisport dal prezzo alto con display a colori da 1.23 pollici, il cinturino in poliuretano è regolabile.

È impermeabile fino a 5 ATM.

La frequenza cardiaca al polso è ottenuta tramite tecnologia “Garmin Elevate”.

Il sensore al LED rileva il battito del cuore 24/7 senza mettersi addosso la fascia toracica. Forerunner 735XT è capace di fornire:

– lo “Stress Score”, che rileva la mutevolezza della frequenza cardiaca attenendosi su un test e uno storico di uscite. I valori oscillano da 1 a 100, dove i risultati più bassi denotano i livelli di stress minori,

– la qualità delle prestazioni, che in seguito ad un test, accosta la condizione al momento dell’allenamento con i valori di forma fisica medi,

– la soglia anaerobica attraverso l’osservazione della frequenza cardiaca e del passo, stabilisce la soglia oltre la quale i muscoli iniziano ad accumulare lattato.

La “Stima del VO2max” elabora informazioni quali i battiti a minuto, la celerità della corsa e l’instabilità della frequenza cardiaca per stimare quale sia il volume massimo di ossigeno che si può consumare al minuto.

Facendo riferimento su una media delle uscite precedenti, il dispositivo presume quale possa essere il tempo di gara distribuito per distanze, non soltanto ma avverte anche del tempo di recupero indispensabile per acquisire le forze e avviare un altro allenamento.

L’orologio GPS Multisport è stato progettato per soddisfare le esigenze di chi pratica triathlon.

La funzione “Multisport” automatica permette di passare dal nuoto in piscina, alla corsa, al ciclismo tenendo premuto un pulsante personalizzando gli allenamenti da scaricare successivamente gratis da “Garmin Connect”.

Per quanto concerne la corsa avanzata è possibile associare la fascia HRM-Run o HRM-Tri all’orologio multisport.

L’accelerometro incluso nella fascia cardio consente di analizzare il bilanciamento dei piedi sul suolo, la cadenza del passo, l’oscillazione del busto, il tempo di appoggio con la superficie e la lunghezza della falcata.

La funzione “AutoLap” avvisa con un segnale acustico il corridore ogni volta che percorre un chilometro, mostrando nell’immediato il tempo impiegato per quella frazione.

L’accelerometro integrato è indicato anche per allenarsi indoor.

Senza utilizzare altri accessori acquisisce tutti i dati relativi alla distanza e il passo mentre si corre al chiuso o sul tapis-roulant. Anche il passo può essere migliorato con la funzione “Virtual Partner”, difatti il sistema mette a confronto il passo al quale si sta correndo con quello che si è stabilito come obiettivo da raggiungere. Impostando il metronomo è più facile conservare la cadenza desiderata.

Forerunner 735XT è uno strumento utilizzato da nuotatori e ciclisti.

Mostra le metriche in modo minuzioso, questo consente di programmare gli allenamenti e registrare l’allenamento includendo anche le fasi di riposo.

Forerunner 735XT portato addosso tutti i giorni è utile per tenere uno stile di vita sano anche quando si compiono le normali attività quotidiane.

Tiene il conteggio dei passi, indicata le calorie bruciate nell’intera giornata, informa sull’itinerario percorso. Di notte monitora il sonno e fornisce le informazioni di come si dorme e di com’è la qualità del riposo. I dati raccolti si possono scaricare sullo smartphone tramite l’app “Garmin Connect Mobile”.

L’applicazione “Strava Premium” analizza la frequenza cardiaca mentre ci si allena e valuta l’impegno che si mette nello svolgimento dell’attività fisica.

Con l’acquisto del 735XT l’app viene offerta gratuitamente per 60 giorni.

Questo dispositivo ha molte funzioni, il lato positivo è che dispone di una batteria al litio con un’autonomia che dura fino a 9 giorni.

Polar M400

polar M400Questo cardiofrequenzimetro è in poliuretano con la parte esterna in gomma.

Lo schermo è di 1.2 pollici con display digitale.

È compatibile con iPhone 4S ed è indicato per chi pratica running.

È dotato di GPS, la funzione “Back to Start” indica in qualsiasi momento la direzione dell’allenamento per tornare da dove si è partiti.

La funzione “Running Index” valuta la prestazione di corsa consentendo di tenerla sotto controllo nel tempo.

Polar M400 ha un look giovane, è elegante e custodisce tutta la tecnologia GPS per monitorare l’allenamento e l’attività quotidiana.

È sempre possibile esplorare nuovi percorsi acquisendo dati certi per quanto concerne l’altitudine, il punto di partenza, l’andatura e la distanza. Inserendo nel programma i dati personali ossia altezza, età, peso, sesso e intensità di allenamento si ottiene il calcolo delle calorie consumate.

L’app “Polar Flow” permette di visionare i dati inerenti all’attività fisica e agli allenamenti in qualsiasi momento.

L’applicazione è gratuita e trasferisce le informazioni su “Strava“.

Al termine di ogni prestazione sportiva vengono inviati dei feedback motivanti disponibili sull’app “Polar Flow” o sul servizio web.

Polar M400 analizza la qualità del sonno, a riposo misura la condizione aerobica.

Notifica chiamate e messaggi ricevuti sullo smartphone, emette un segnale di inattività prolungata, si ricarica con cavo USB.

A lungo tempo gli utenti hanno riscontrato due difetti: la presa USB non carica e il dispositivo non si connette al pc.

COMMENTI

Leave a reply